Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Viaggi, case di lusso, lavoro sicuro: l’età dell’oro è dei 60enni

</span></figure></a> Oro da copertina: scelta una modella 56enne per la cover della famosa rivista Sports Illustrated
Oro da copertina: scelta una modella 56enne per la cover della famosa rivista Sports Illustrated

Londra, genitori 60enni, professionisti della comunicazione, figlia laureata a Harvard. La coppia vola negli Stati Uniti per un’ottima opportunità professionale, la figlia rimane nella capitale inglese senza casa e lavoro. Loro continuano a girare il mondo facendo i consulenti, lei condivide un appartamento con altri ragazzi neolaureati mantenendosi con dei lavoretti nell’attesa di un’offerta decente. Continuano ad aiutarla economicamente ma si sentono in colpa: “Il mondo si è fatto troppo complicato e ingiusto. Noi alla sua età avevamo una casa, lei non si può permettere nemmeno un affitto. E’ molto triste da dire ma nostra figlia non potrà mai fare la bella vita che abbiamo fatto noi”. Solo un caso sfortunato? No, la regola  per la generazione dei baby boomers (i nati tra il 1945 e il 1964). Benvenuti, dunque, nell’economia della terza età.

pensionati_vs_figli_economist

Nel 2001-14, scrive l’Economist, la capacità di spesa degli over 75 per intrattenimento, teatri e concerti e ristoranti, è più che raddoppiata rispetto a quella dei trentenni. Secondo Vicky Redwood, economista nella società di consulenza Capital Economics, circa 1 sterlina su 5 di spesa in UK è da addebitarsi agli over 65, ma nel giro di due decenni, la proporzione potrebbe essere 1 su 4. Auto, vacanze (gli under-35 inglesi nel 2014 hanno speso 922 milioni di sterline in meno in viaggi all’estero rispetto a dieci anni prima, mentre i sessantenni 1,3 miliardi in più), coccole e vizi, mai come ora i baby boomers inglesi, complici un apprezzamento mostruoso delle proprietà immobiliari e una congiuntura economica favorevole, rappresentano i consumatori con più potere d’acquisto a cui sempre più business si stanno indirizzando.

battersea


Le proprietà di lusso per gli anziani

Nel quartiere Battersea, lungo le sponde del Tamigi, saranno consegnati ai proprietari a primavera i primi lussuosi appartamenti del complesso per over 65 Battersea Place. Gli immobili in vendita sono bilocali o trilocali, il cui prezzo varia dalle 660.000 alle 750.000 sterline, ma ci sono anche attici con tre camere da letto che costano quasi tre milioni di sterline. La residenza che si affaccia sul parco, riservata a ricchi pensionati, offre piscina, palestra, salone di bellezza e spa, bar, ristoranti, cinema, infermeria e primo soccorso 7 giorni su 7, boutique esclusive, servizio di assistenza e vigilanza, servizi di pulizia e di cura personalizzati e lo chaffeur gratis per lo shopping in centro. Secondo il Financial Times l’80% delle proprietà sono già state vendute. Questo è solo il primo dei complessi residenziali progettati per un pubblico anziano che sono disponibili sul mercato inglese che non riesce comunque a soddisfare l’aumento delle richieste. I redditi dei pensionati, secondo l’Institute for Fiscal studies, al netto delle spese di alloggio, superano già quelli delle famiglie in età lavorativa. L’ascesa del mercato delle residenze di lusso per pensionati risponde quindi ai bisogni di questo ceto i cui redditi sono alti anche grazie alla loro permanenza nel mercato del lavoro. Oggi gli anziani sono più istruiti e in forma dei loro padri e la loro competenza ed esperienza continua a essere richiesta in diverse aree professionali.

attivi_mercato_lavoro_inglese

Istruiti e con esperienza: i più ricercati del mondo degli affari e i nipoti stanno a casa
Ciò è particolarmente evidente in Gran Bretagna, dove il settore dei servizi (finanza, media, consulenza) è più sviluppato che in altri Paesi. Il 27% dei laureati della fascia di età 65-69 anni ha un lavoro rispetto al 14% di quelli con la stessa età anagrafica e con un’istruzione solo secondaria. Il loro tasso di impiego è anche superiore a quella dei giovani (16-24 anni) senza nessuna qualifica. Particolari e favorevoli condizioni di mercato, (molto lontane dalle turbolenze dei giorni nostri) che difficilmente si ripeteranno, hanno dunque creato una classe di pensionati d’oro con una disponibilità finanziaria irraggiungibile per le famiglie odierne. La metà dei cittadini britannici in età lavorativa non riuscirà mai a risparmiare per una pensione decente come i genitori. L’unica speranza sarà nell’eredità, ammesso che resti qualcosa.