Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Il business di Apple, IBM e Japan Post per i nonnini giapponesi

</span></figure></a> Tim Cook, Taizo Nishimuro, Ginni Rometty
Tim Cook, Taizo Nishimuro, Ginni Rometty

Japan Post Group, IBM e Apple hanno annunciato il 30 aprile una partnership per sviluppare un servizio che contribuirà a migliorare la qualità della vita di milioni di giapponesi anziani. L’obiettivo futuro è quello di fornire a 5 milioni di clienti  over 65 del servizio postale e assicurativo giapponese, degli iPad con caratteristiche di accessibilità, tra cui le impostazioni per ipovedenti e non udenti, costruite appositamente per questa fetta della popolazione che conta in Giappone 33 milioni di persone, il 25 per cento del totale. Nell’iPad ci saranno anche preinstallati app per gli avvisi sui farmaci, sugli esercizi fisici, la  dieta e l’ accesso diretto e semplificato ai contatti familiari e di emergenza via Face Time.

Il progetto pilota partirà a breve e prevede la consegna gratuita a mille anziani della tavoletta Apple. A  monitorare come la usano ci saranno gli addetti postali del Japan Post Group. Con i dati raccolti dall’esperienza ed elaborati dall’IBM si perfezionerà l’offerta commerciale. Si prevede un pacchetto a un prezzo accessibile circa mille yen al mese (meno di dieci dollari) per i clienti del gruppo giapponese, amministrato dal CEO Taizo Nishimuro, 80 anni.

 

Qui il comunicato stampa