Indica un intervallo di date:
  • Dal Al

Lotta al colesterolo: in arrivo nuovi farmaci, test gratis e vaccino

Ipertensione arteriosa, ipercolesterolemia, diabete e obesità sono tra i principali fattori che aumentano il rischio di andare incontro a malattie cardiovascolari che causano quasi la metà di tutte le morti in Europa. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Europa è prima al mondo per incidenza di colesterolo alto nella popolazione, con una percentuale del 54% per entrambi i sessi. La maggior parte dei pazienti che sviluppa questa patologia asintomatica e cronica viene curato con le statine e presto con farmaci di nuova generazione come il Rephata, la soluzione iniettabile anticolesterolo approvato dall’agenzia del farmaco europea nel luglio scorso. Il principio attivo di Repatha, evolocumab, è un anticorpo monoclonale  studiato per riconoscere una struttura specifica (chiamata antigene) nell’organismo e legarsi a essa. Evolucumab, secondo quanto riportato sulla scheda dell’European Medicines Agency, “è stato concepito per legarsi a una proteina chiamata “PCSK9”. Questa proteina si lega ai recettori del colesterolo sulla superficie delle cellule epatiche e fa in modo che tali recettori siano assorbiti e scissi all’interno delle cellule. Questi recettori controllano i livelli ematici di colesterolo, in particolare di colesterolo LDL, rimuovendolo dal flusso sanguigno. Legandosi a PCSK9 e bloccandolo, Repatha impedisce la scissione dei recettori all’interno delle cellule e quindi aumenta il numero di recettori presenti sulla superficie cellulare, dove possono legarsi al colesterolo LDL e rimuoverlo dal flusso sanguigno”. L’unico neo del medicinale, non ancora disponibile in Italia, è il prezzo: la terapia per un anno in Austria costa circa 8000 euro.

La sperimentazione di un vaccino

I ricercatori, dell’University of New Mexico e dei National Institutes of Health statunitensi,  gli stessi che hanno messo a punto il vaccino anti-Hpv e usato la medesima metodica per questo lavoro, stanno studiando un vaccino che potrebbe ridurre significativamente il colesterolo con una sola iniezione. Finora è stato testato solo sui topi e le scimmie, ma gli esami di laboratorio hanno dimostrato che può ridurre il colesterolo cattivo (LDl) fino al 55% rispetto al 30% delle statine. Inoltre, può anche essere usato per aumentare l’efficacia di questi farmaci di un ulteriore 40%. L’obiettivo dei ricercatori è passare in tempi brevi alla sperimentazione sull’uomo. Il vaccino agisce, sulla stessa proteina bersaglio usata nel farmaco Rephata, la PCSK9, ed elimina solo il colesterolo in eccesso.

Cauto ottimismo degli esperti

Secondo Francesco Romeo, presidente Società italiana di cardiologia (Sic), l’uso degli anticorpi dell’organismo per combattere il colesterolo è una frontiera che sembra promettente, ma non è così semplice come sembra perché il colesterolo alto è una malattia multifattoriale. Per ora le statine rimangono il rimedio più efficace e ci vorrà ancora del tempo per verificare se gli stessi effetti positivi avuti con il vaccino sui topi possono replicarsi anche sugli umani: “Alcune ricerche americane sul vaccino anti-colesterolo  saranno al centro del prossimo congresso Sic a Roma dall’11 al 14 dicembre. Combattere il colesterolo significa limitare i decessi dovuti all’aterosclerosi è infatti in cima alla lista dei fattori associati a questa malattia, prima del diabete e dell’obesità. Ben vengano quindi gli studi e le ricerche su un’immunizzazione in grado di ridurre l’impatto del colesterolo colpendo la proteina bersaglio che lo veicola. Ma per ora ancora non si può parlare di mettere da parte le statine”.

Il 14 novembre il test è gratuito nella farmacie

Nell’attesa delle autorizzazioni che permettano di iniziare il trial sugli umani, ci vorranno anni prima che il vaccino diventi realtà, è dunque opportuno che, a partire dai 40 anni, si presti più attenzione al profilo lipidico per verificare  i livelli di  colesterolo totale (TC), colesterolo delle lipoproteine ad alta densità (HDL), trigliceridi (TG) e lipoproteine a bassa densità (LDL). Per chi volesse approfittarne il 14 novembre è possibile fare il controllo gratuito del colesterolo presso le 245 farmacie della Rete Farmacisti Preparatori. I cittadini avranno la possibilità di effettuare un controllo gratuito dei propri tassi colesterolici attraverso un sistema di autoanalisi con prelievo capillare che verrà assistito dal farmacista di fiducia, a disposizione, in colloquio riservato, per la lettura del responso.